Archive for the ‘rock’ Category

Vincenzo Umile in duetto con Maurizio Scugnizzo

ottobre 2, 2010

Finalmente ha ceduto. Dopo mesi di corteggiamento il cantante folk Vincenzo Umile si è deciso ad accettare la proposta del neomelodico Maurizio Scugnizzo: comporre ed eseguire insieme un brano in duetto in una serata-spettacolo che verrà trasmessa in diretta da Channel 2. A presentare lo show tornerebbe sulla rete di Straseattle dopo oltre due anni di assenza la celebre show-girl Cristina Stoppacci.

INSIEME A

Use and Abuse: Califogna sound from early ’90s

luglio 11, 2010

E siccome ieri ci siamo occupati della storia di Petrol City e della sua effimera parabola in cui fu per qualche anno “la Detroit mazarese”, oggi per la serie “Califogna sound from early ’90s” PM&FB propongono gli Use and Abuse con il loro debut album Sick Love Juice.

Gli “U+B” (si siglavano così) diedero alle stampe con la Vacation House Records il loro disco d’esordio nel 1996 dopo una intensa attività live e dopo essere stati per più edizioni la band clou del festival rock petrolsileno Rockarossa al pari dei rivali Collettivo Urbano, spesso dileggiati per l’estrema melodicità del loro rock e per la scelta di cantare in italiano. Il disco fu registrato in provincia di Torino con la new entry Ivan Paolini, palermitano ed ex della band heavy Kali Yuga al posto di un talentuoso batterista di Marshal fuoriuscito dal gruppo poche settimane prima, che in realtà era stato il coautore di tutte le tracce ritmiche e di cui ci occuperemo prossimamente in uno speciale. Paolini insieme a Gulino e “Kurt Melo” Pipitone formerà successivamente i famosi Marta sui Tubi, mentre il suo concittadino e rivale chitarrista Frankie Marino andrà a formare i MariX che ebbero fortune alterne, ma rimasero purtroppo un fenomeno locale, al più palermitano. Il bassista Tramati? Va’ capisci.

Buon ascolto da PM

Use and Abuse – Sick Love Juice

Pagine di storia patria: Petrol City compie 30 anni

luglio 11, 2010

Era il 10 luglio 1980 quando l’Assemblea Regionale Siciliana votò a maggioranza la delibera che istituiva il nuovo comune di Petrol City su proposta del comitato pro-autonomia di Petrosino di cui era presidente il professore Vincenzo Licari, che raccolse circa 3000 firme, corredò l’istanza di autonomia della documentazione richiesta dalla legge e la presentò all’ Assessorato regionale e agli enti sociali che con lungimiranza l’approvarono.

LE ORIGINI DI PETROL CITY

Si dice che il nome della cittadina petrolsilena derivi dal latino “Petri-Sinus” che significa “porto di Pietro”, perché si narra che San Pietro Apostolo durante uno dei suoi viaggi tra Roma e Gerusalemme, per mettersi al riparo da una brutta tempesta sarebbe approdato sulla baia di Biscione. Così il nome di Petrosino deriverebbe dalle parole latine “Sinus” (golfo) e “Petri” (Pietro), cioè “Golfo di Pietro“. Un’altra ipotesi vuole invece che il nome Petrol City derivi dal greco “PETROSILION”, poi mutato in “PETROL CITY” grazie al commerciante inglese John Woodhouse che costruì un baglio il cui portale divenne poi lo stemma e simbolo del paese, da cui il detto “facci di purtuni ri bagghio!“. Nel dialetto locale divenne invece “PIDDUSINU”, perché in tempi remoti in questa zona disabitata cresceva in abbondanza questa specie di erba aromatica e gli indigeni non conoscevano una parola di inglese. Delle due ipotesi la seconda si può considerare assolutamente certa, non c’è neanche bisogno di discuterne.

LE PULSIONI AUTONOMISTE

Nel 1941 venne inaugurato dalle autorità dell’epoca il primo autobus di linea Petrol City – Marshal. Negli anni ’50, grazie all’interessamento dell’Onorevole Francesco de Vita, Petrosino cominciò ad assumere l’aspetto di un vero paese, però del Messico, grazie anche alla costruzione di opere pubbliche come strade asfaltate, il primo impianto di illuminazione, acquedotto, scuola e cimitero. Già nel 1947 Giuseppe Putaggio, facendosi portavoce dei petrolsileni, aveva avanzato la prima richiesta di autonomia dal comune di Marshal che però venne respinta con fermezza. I locali ci ritentarono 10 anni dopo con Carmelo Benigno, che venne posto a capo del comitato pro – autonomia, ma anche questo tentativo fallì. A riprovarci, nel 1954, fu Baldassare Pipitone, ma anche questa volta non andò a buon fine. 3-0 e palla al centro. Dovettero passare circa 23 anni per arrivare alla svolta storica, il 21 Maggio 1977, quando venne istituito il “Comitato di Liberazione di Petrol City“.

La nascita del comune autonomo di Petrol City si deve dunque al fermento culturale degli anni ’70, quando, recita una scheda trovata negli archivi dell’Istituto Comprensivo “Nosengo”, “tra gli abitanti delle contrade Baggianotto, Gazzarella, Torreggiano, Baglio, Biscione, San Giuseppe e San Giuliano, si fece strada la convinzione che soltanto l’elevazione di quelle contrade a comune autonomo avrebbe potuto risolverne i problemi di vita civile”.

SI, VABBE’

Evidentemente i dissidenti avevano torto fermo, perché a Petrol City non c’è mai stato un cazzo. Il livello delle attività culturali di questo territorio di 45 kmq, che si estende fra i comuni di Mazar el Sharif e Marshal, è tale infatti che oggi vi si tengono spettacoli del tenore “La corrida, dilettanti allo sbaraglio – III edizione – Ospite il mago illusionista Gaspar“. Nonostante lo status di municipalità, la popolazione di Petrol City è infatti antropologicamente identica a quella degli Strasattari, che si distinguono solo per l’abitudine di erigere case e villette lungo una strada provinciale.

GLI ANNI DEL “PETROL ROCK”

La storia di Petrol City ha avuto però un momento di splendore a cavallo degli anni ’90, grazie al più grande evento rock mai creato in quella zona rurale: Rockarossa, dal nome di una nota roccia del fondale della costa. Fu per sei anni di fila la manifestazione rock più importante della provincia, si svolgeva a cadenza annuale nel mese di Agosto in piazza Biscione (dove sorgeva il famoso night “Crazy Night” in cui si formarono i rockers – 2 – della zona) e ospitò gruppi rock provenienti da tutta Italia, dando vita ad un filone di talenti locali che spaziarono dal progressive, all’heavy e al grunge come i Brain Dead, i Collettivo Urbano e gli Use and Abuse, primo embrione di quelli che sarebbero poi diventati i Marta sui Tubi, il cui chitarrista è infatti originario di Petrol City, quindi attualmente è l’artista più importante che Petrol City abbia mai espresso. Una curiosa coincidenza vuole che nella formazione degli Use and Abuse il chitarrista fosse però un altro petrolsileno: Frank Marino, che ad oggi è dunque il secondo artista più importante espresso da Petrol City. La fine di Rockarossa coincise con l’abbandono del progetto da parte dell’organizzatore Ottavio Navarra, poi avviatosi alla carriera politica con il quintetto swing “Ottavio Navarra e la Sinistra Giovanile“.

LA PARENTESI DEL CENTRO SOCIALE

In quel periodo l’enorme albergo incompiuto sulla Via B (chiamare le strade con le lettere dell’alfabeto è un vezzo locale che fa parte di un progetto di alfabetizzazione in corso dagli anni ’80) venne occupato dai giovani del posto e trasformato in “Centro Sociale”. Vi si tennero tre concerti rock in tre weekend, ma il posto venne abbandonato appena dopo il terzo evento in seguito a una rissa generale che coinvolse decine di persone, mentre gli spettatori per non essere da meno si davano alla completa devastazione del centro.

L’albergo venne poi raso al suolo nel giro di pochi anni per far spazio a una schiera di villette vicine al celebre monumento dedicato  “ai pescatori di Petrol City”, dove il baffuto marittimo raffigurato più che un pesce sembra che in mano regga un’enorme minchia.

Collettivo Urbano: Califogna sound from early ’90s

settembre 11, 2009

collettivo_urbano

Casomai a qualcuno sembra ceh certe cose cele siamo scordate eccovi qua un pezzo da 90, anzi dai prim i anni ^90.

PM&FB presenta:

Collettivo Urbano – Abissi mentali

Nova Cassonette Nova: le hits dell’estate

luglio 28, 2008

La stagione estiva, oltre a fare soffrire “under the skate of the sun” tutti i Califognani, a Marshal in particolare riserva anche un pessimo livello musicale. Oltre a Maurizio Scugnizzo, abitualmente in onda su Channel 2, la scena musicale offre di decente soltanto qualche happening situazionista di Vincenzone e al limite un ritrovato Erminio, con la sempreverde “Satana” ed il classico repertorio del Califfo.

Eppure anche a Marshal, fra le macerie di un villino mai sanato e un allevamento di galline, è possibile giovarsi di musica colta, tecnicamente eccelsa e creativamente brutale. Basta dirigersi sullo spazio web dei Nova Cassonette Nova e rimanere stupiti di come Paul Nova, Greg Cassonette e Joe Nova passino con maestria dalla paranoia petrosileno/bolognese di “Da Gela a San Babila” al rockabilly agricolo di “Rocco e Billy“, al blues provinciale di “Storia di un bluesman“, alla rilettura zappiana della città in “Shitown“.

In tutto 6 pezzi assolutamente godibilissimi sotto l’ombrellone, ma anche percorrendo una rotonda a velocità sostenuta, con un occhio ai testi di rara profondità.

PM&FB for Liberexpression

maggio 15, 2008

Con estremo piacere anche PM&FB – graffitari della prima ora e autori di molte opere cancellate poi dalla furia edilizia – hanno dato il loro contributo alla manifestazione Liberexpression 2008, il progetto dell’amministrazione di Marshal che punta a incentivare i giovani della città ad esprimersi attraverso i graffiti.

Il major Mr. Carini ci ha infattti chiesto personalmente di dare il via alla kermesse artistica con una opera firmata Problem Man & Fogna Boys che potesse dare l’esempio e che potete vedere realizzata in tempo reale nel video.

L’auspicio è che grazie al nostro contributo tanti altri giovani talenti siano incoraggiati ad esprimersi liberamente sui muri della città.

Manuale per il cyberpanico

marzo 13, 2008

immagine.jpg

Una lettura consigliatissima da PM&FB: l’Handbook for Bloggers e Cyber-Dissidents, pubblicato da Reporters sans frontières che ha lanciato la 24 Ore contro la censura su Internet, una manifestazione virtuale alla quale potete partecipare qui.

Questo “Manuale per Bloggers e Cyber-Dissidenti” spiega in maniera semplicissima come aprire un blog e aggirare ogni sorta di controllo e censura attraverso semplici tecniche eseguibili da chiunque.

Abbiamo deciso di pubblicarlo e di ospitarlo sul nostro server perchè in molti paesi dove Internet è temuta (compresa la Califogna) i motori di ricerca bloccano l’accesso a questo tipo di informazioni. Linkatelo anche voi e partecipate al cyberpanico.

PM&FB anche su MySpace!!!

novembre 30, 2007

pmfbmyspace.jpg

Da oggi PM&FB arrivano anche su myspace.

Su http://www.myspace.com/problemmanfognaboys
è possibile ascoltare gli hit di Problem Man & Fogna Boys e trovare numerosi extras del collettivo concettuale più anonimo della Califogna, ma anche di tutto l’universo PM&FB: Reuccio, Special Guest, Boris Sala, Pipco Productions, Greg, Bauf Djidjic, Francois Salinari, etc.

Pipco Productions: Pipco vs Crazy Ball – uncut

novembre 28, 2007

La prima casa di produzione cinematografica specializzata in stop-motion di Marshal, CAFG è la Pipco Productions, una idea che solo Boris Sala, spalleggiato dal giovane e talentuoso Special Guest, poteva partorire.

Noi di PM&FB ospitiamo sulle nostre pagine la prima uscita, Pipco vs Crazy Ball, per il lancio che merita, secondo un contratto quadriennale a progetto che prevede che da qui passeranno tutte le loro realizzazioni future in cambio dell’adeguata esposizione che meritano. Una volta che il brand avrà acquisito valore la joint-venture prevede nel giro di 12 mesi la costituzione di una Società per Azioni che isituirà un Fondo di Investimento che investirà in titoli ad alto rischio (derivati), prima di chiudere per bancarotta entro il 24esimo mese. Dai bilanci societari verranno occultuate alcune somme che verranno utilizzate, al netto delle spese di rappresentanza, per l’attesa ultimazione del Cardilla’s Public Health Institute.

L’inizativa è dunque benefica e vi invitiamo fin da ora a prendere visione del Prospetto Informativo che verrà a breve pubblicato all’indirizzo http://www.myspace.com/pipcoproductions

Wanna Rock?!?! Rock-a-chiatta!!!

agosto 9, 2007

Downoald gratis