Posts Tagged ‘bla bla bla’

Bla bla bla minaccia: “Porto il Palavetro a Marshal!”

marzo 25, 2012

Grandi opere e infrastrutture al centro del programma politico di Giulia bla bla bla. La campagna elettorale 2012 si apre con un annuncio shock: portare il Palavetro a Marshal. “Se non troveremo bla bla bla un manager all’interno dell’aeroporto tanto lungimirante bla bla bla da saper sfruttare il prefabbricato in modo produttivo bla bla bla all’interno della stessa area, bla bla bla, il comune di Marsala bla bla bla ne reclamerà il possesso e lo trasferirà sul proprio territorio, bla bla bla.“, ha minacciato l’ex onorevole regionale golfistapresidente della provincia con colmata petrolifera.

L’interrogativo è: dove può essere posizionata la sgangherata catapecchia di vetro e infissi in alluminio? L’area più
indicata sembrerebbe New Port, dove il fantasioso accozzaglio di rottami – appena 232.352.400 lire è costata la sola pavimentazione (tutto documentato da un documento diffuso da bla bla bla: http://www.giuliaadamo.it/palavetro/)- farebbe ottima pendent con l’Olimpico mai rimosso. Immagine sotto.

L’infiorata che era troppo socialista

aprile 30, 2008

Per realizzare un’infiorata come quella della foto occorrono diversi giorni di lavoro per decine di persone. I fiori vanno innanzitutto raccolti e conservati, alcuni vengono seccati e triturati per ricavarne una polvere colorata, va disegnato a mano un bozzetto che va poi ingrandito e successivamente si procede alla posa e al fissaggio dei fiori uno per uno.

Ben sei (6) tappeti floreali di misura 4 x 3 erano stati commissionati dall’Assessore Mimma Miceli alla Associazione Culturale “Infiorata di Montallegro” per l’iniziativa “IL PROFUMO DEI FIORI DEL MONDO – Festa che unisce i Popoli“, che si sarebbe dovuta svolgere in città l’1 Maggio.

Circa 40 persone impegnate fra donne, ragazzi, bambini e anziani. Molte famiglie vanno in campagna a raccogliere i fiori, “per risparmiare” spiegano, se li dovessero comprare tutti l’infiorata costerebbe molto di più. Alcuni chiedono anche dei giorni di ferie e la spesa affrontata è di circa 1500 Euro. L’associazione è soddisfatta e poco meno di una settimana fa comunica alla stampa la propria partecipazione all’evento marsalese (www.infioritalia.org, www.agrigentonotizie.it, www.comunicalo.it, etc.).

Tutto è confermato fino alla mattina del 29 Aprile quando arriva, purtroppo per loro, il tanto atteso rimpasto della Giunta, voluto per assecondare le isterie postelettorali contro i socialisti della cugina del Sindaco Renzo Carini, che come tutti sanno si chiama Giulia “BLA BLA BLA” Adamo e comanda a bacchetta il “primo cittadino”, anche se non si capisce perchè un sindaco debba rispondere della propria attività ad un deputato regionale. Questioni di partito, quindi incarichi, stipendi, favori, consulenze.

All’assessore viene ritirato l’incarico ed anche la festa salta. Ieri a Don Angelo Gambino, che a Montallegro dirige l’associazione, arriva una telefonata: ho perso l’assessorato, la festa non si fa più. Così i circa 40 infioratori di Montallegro e le loro 6 infiorate, proprio alla vigilia della partenza, rimangono a casa e l’amministrazione a causa del suo ridicolo teatrino politico fa fare una FIGURA DI MERDA a sè stessa e a tutta la città.

Agli infioratori montallegresi facciamo tre richieste:

– chiedete il risarcimento per il lavoro svolto, anche se i fiori raccolti non sono fatturabili

– se vi chiedono di partecipare ad altre iniziative, mandateli a quel paese

– chiedete a Don Angelo di pregare per noi

Il fatto riportato dal Giornale di Sicilia del 29/04/2008:

RISERVATO: lo spot elettorale originale di Giulia Adamo

aprile 1, 2008

Grazie ai consueti buoni uffici di SISMI, SISDE e SIFAR, come un anno fa siamo in grado di proporvi del materiale riservatissimo riguardante la campagna elettorale. Oggi PM&FB è infatti in grado di mostrarvi in esclusiva le immagini della versione originale dello spot elettorale di Giulia Adamo, che all’origine era ben diverso da quello che attualmente va in onda su Channel 2.

La ex-2volte-Presidente-della-Provincia e poi Presidente della Commissione Ambiente e Territorio all’ARS avrebbe infatto voluto questa versione, in cui vengono mostrati i progressi del territorio di Marshal in questi 15 anni dall’ingresso in politica della riflessiva lady di Forza Italia, soprattutto nella valorizzazione delle bellezze naturali e nella salvaguardia del paesaggio.

Ma la consulente di immagine Rosanna Restivo (che con il major Renzo Carini ha ormai creato una star…) l’ha sconsigliata, sostenendo che così com’era e come ve lo mostriamo lo spot sarebbe stato troppo immodesto e autocelebrativo.

Questa è la ragione per cui le sequenze del “sogno” di Giulia Adamo sono state sostituite con le immagini dell’Irlanda e della Sardegna che si trovano nello spot definitivo attualmente in onda.